VITA DI ACR

In vita d’Acr, i ragazzi hanno l’opportunità di raccontare ciò che vivono in Azione Cattolica e non solo: in questo spazio infatti, possono parlare anche di argomenti ed avvenimenti significativi esterni all’AC, sempre visti con gli occhi di un “acierrino”.

Attraverso questi racconti, i ragazzi possono:

Conoscersi meglio e conoscere meglio le realtà che fanno parte della diocesi

  (grazie alla narrazione di iniziative caratteristiche della loro parrocchia).

Scoprire modalità diverse con cui si vive la stessa iniziativa

  (tramite il racconto di iniziative parrocchiali e foraniali comuni a tutta l’Acr).

Vivere attraverso il punto di vista di un altro acierrino le iniziative diocesane.

Tutto questo aiuterà a condividere la bellezza e la gioia di far parte di questa stupenda associazione.

Image-empty-state.png

Già l’attesa è fantastica

Il cristiano è colui che non vede l’attesa come una mancanza, ma come un miglioramento della propria vita, dunque, “l’attesa aumenta il desiderio”, il desiderio della nascita di Gesù.
Per noi cristiani è importante vivere l’attesa per preparare i nostri cuori al Suo arrivo, che viene per aiutarci a vivere meglio.

17 dicembre 2020

Image-empty-state.png

Light UP - Ragazzi in Sinodo - Il Racconto

«L’esperienza del Sinodo dei ragazzi è stata qualcosa di veramente importante. Un’ occasione particolare per comunicare a tutti, quanta ricchezza possa lasciare il vivere pienamente l’ACR valorizzando soprattutto il contributo che anche noi piccoli soci possiamo condividere. Il sinodo di quest'anno ha voluto insegnare a noi ragazzi ciò che la Fede è e può essere in una società, grazie ad un percorso fatto di tante attività preliminari, abbiamo riflettuto su tutte le possibilità che avevamo per migliorare tutti insieme il nostro gruppo parrocchiale, scolastico, sportivo e non solo. Nei giorni vissuti a Roma, abbiamo provato tantissime emozioni alcune delle quali mai provate prima....»

31 ottobre 2020

Image-empty-state.png

Prima e dopo la pandemia

Prima della pandemia per me l’ACR era divertimento, allegria, amicizia. Facevamo lavoretti manuali, giochi come caccia al tesoro e tombolate. Eravamo soliti festeggiare la Festa del Papà e della Mamma con i nostri genitori che impegnatissimi durante la routine quotidiana, riuscivano a passare un po’ di tempo con noi. A Natale il Presepe Vivente era un’occasione per stare insieme e passare giornate fantastiche tra pasta fatta in casa dalle signore, castagne calde, abiti di un tempo e il caldo tepore del fuoco.

29 luglio 2020

Image-empty-state.png

Un esame diverso... ma vero!

Quest’anno ho fatto parte di quelle migliaia di quattordicenni che hanno sostenuto l’esame di terza media. Quando è iniziata la scuola a settembre sapevamo tutti bene che ci aspettava un anno duro, con interrogazioni, esercitazioni per le prove invalsi, compiti scritti, tesina da preparare… Poi, da marzo, è successo di tutto. Il coronavirus, la pandemia, il lockdown, le scuole chiuse per mesi. Per diverse settimane nessuno sapeva dirci niente: non era nemmeno certo che facessimo l’esame! Alla fine hanno scelto per noi un esame solo online con elaborato finale.

24 giugno 2020

Image-empty-state.png

Distanti ma uniti con l'ACR #ACcantoaTe

L’iniziativa proposta dall’ACR diocesana #ACcantoaTe, grazie all’aiuto dell’assistente don Luigi Piccolo, ha accompagnato tutti gli acierrini della nostra diocesi a partire dal 7 aprile, giorno del giovedì santo.
I video realizzati da don Luigi e caricati sul canale Youtube diocesano ci hanno fatto compagnia per tutto il triduo pasquale e nelle domeniche del tempo di Pasqua, concludendosi con la domenica di Pentecoste. Ma in cosa consiste l’iniziativa dell’ACR diocesana?

17 giugno 2020