AppuntidiVitaSpirituale

La fede è un dono. Una fede autentica è quella che ci aiuta a pentirci e a chiedere il perdono, che rende capaci di testimoniare. Talvolta noi giovani di AC rischiamo di dire a noi stessi di essere “quelli fortunati”, perché abbiamo continuato e non abbiamo mollato. È vero, abbiamo la gioia di vivere una bella esperienza, che plasma le nostre vite, ma stare vicini a Cristo è una grazia e, insieme, una responsabilità. La fede non è una cosa automatica, è come una pianta che merita cura, attenzioni. C’è bisogno di un continuo allenamento e di un costante accompagnamento spirituale. Quando la fede non è scontata, ma è vissuta a prezzo pieno, ci regala uno stile di vita fatto di perdono, testimonianza e di umiltà, luminoso. Qui sono raccolti alcuni strumenti per allenarci insieme.

GOD news
La recensione dei giovani

L'Attesa del Natale rappresenta per tutti un periodo dell'anno in cui è possibile provare un grande senso di gioia, e l'attesa che conduce alla nascita del Cristo si fa dolce anche con la "complicità" dei simboli, siano essi laici o cristiani, in cui veniamo avvolti, quasi travolti.
Quest’anno l’attesa è “particolare”, non è del tutto gioiosa e piacevole, ma mista al senso di lontananza e solitudine che molti provano a causa del contesto storico-sociale che ci troviamo a vivere.
Anche noi giovani, essendo limitati negli spostamenti e negli incontri, pensavamo che ci saremmo ritrovati a vivere un periodo quasi di aridità come la Quaresima dello scorso anno liturgico, ma così non è stato!

Te piace ‘o Presebbio?

Come Settore Giovani diocesano vogliamo “dare vita” a un presepe “rivoluzionario”, è per questo che vi lanciamo un album da completare di settimana in settimana, che ci accompagnerà durante tutto l’Avvento. Sarà un presepe che permetterà ad ogni giovane e giovanissimo di riconoscersi nei personaggi tradizionali della natività, di indossare i panni di quelle statuine, riflettendo su gli atteggiamenti messi in luce dalla Parola in queste quattro domeniche di Attesa.

Jeans, Sneakers e Santità

“Cosa vuol dire per te essere santo?” Andrea, Francesca, Francesco, Paola e Rosa provano a trovare la risposta più adatta a questa domanda, ma quella che emerge dalle loro parole è un’immagine di santità del tutto irraggiungibile, una condizione troppo distante, non alla portata di tutti. "È improbabile che io diventi santo", dicono. Eppure, non è così!

#THEWORDOFTHEDAY

In questi giorni stiamo ascoltando parole accantonate da tempo, stiamo utilizzando un vocabolario dalle tinte oscure e paurose. Forse in questo strano tempo che stiamo vivendo, ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di parole nuove, capaci di aprire una breccia, di farci tornare a coniugare i verbi al futuro e di tornare a sperare.

f.png
i.png
y.png

© 2020 gianmariacaiolagrafico.it

calendario.png