GiovaniinCammino

Formarci come giovani significa rispondere quotidianamente alle sfide di una fede che si vede, si tocca e si incarna nella vita di ciascuno; questo è lo spazio in cui raccogliamo le esperienze diocesane che ci permettono di crescere singolarmente e in gruppo (incontri, campi, ritiri ecc.).  Crescere è maturare la consapevolezza che la Parola ascoltata deve avere un seguito fatto di azioni vere, profonde e credibili. Potremmo parlare di “fede applicata”, il nostro credere, oltre ad essere custodito nel nostro cuore, dovrebbe contagiare gli altri, essere ben visibile anche all’esterno dei nostri gruppi o degli spazi ecclesiali. Crediamo fortemente nella capacità dell’Azione Cattolica di sapersi adattare al contesto sociale nel quale è chiamata a vivere e prendere forma. Il nostro impegno sarà proporre incontri basati sulle necessità dei giovani e dei giovanissimi della nostra diocesi, impegnandoci a rendere vero protagonista ogni partecipante. Ci piace pensare che le varie iniziative possano essere un piccolo strumento per essere giovani "nel mondo ma non del mondo".

Gli strumenti del mestiere

Sei mai stato con una persona che ha il vizio di raccontare mille volte sempre la solita storia? Ti assicuriamo che è davvero difficile restarne affascinati dopo averla ascoltata milioni di volte. Nella tua esperienza associativa, da responsabile e da educatore, potresti correre il rischio di trasformarti proprio in un tipo banale e ripetitivo senza nemmeno accorgertene! Ecco perché diventano necessari, non solo la guida, ma tutti gli strumenti del mestiere: quelli che l’AC porta nel suo zaino da tempo e che le permettono di rimanere al passo con i tempi.

Istruzioni per l'uso

«Bella sta’ guida ma come si usa? Mi piace più il secondo modulo posso iniziare da questo? Mi sembrano tutte proposte troppo difficili per i miei ragazzi, posso cambiarle?»
Niente panico! Con questo secondo articolo parleremo proprio di “metodo”, di come si legge e si usa la guida che hai fra le mani (a proposito: se mentre leggi questo articolo non è con te, corri subito a prenderla e poi ritorna a leggere). Avere confidenza con la guida ti permetterà di calarti al meglio in ogni proposta e, assieme a tanta creatività, di immaginare, sognare e progettare una proposta ad hoc per i tuoi giovani e per i tuoi giovanissimi.

Fidarsi per credere

Il termine “itinerario” richiama l’idea del viaggio e ogni viaggio ha una partenza, un luogo e un tempo per muoversi, un punto d’arrivo verso il quale dirigersi, prevede tappe e ha bisogno di strumenti per raggiungere la meta. L’itinerario formativo è allora quel particolare percorso, quella dinamica fondamentale che porta ogni giovane e giovanissimo a conoscere e seguire il Signore Gesù per divenire Suo discepolo e per poterlo annunciare con gioia.

Per dare vita a moti di rivoluzione

In questo periodo tanto particolare per la nostra società e di conseguenza per la nostra vita associativa, il cammino dei giovani e dei giovanissimi di Azione Cattolica non si interrompe. I nostri gruppi non hanno esitato a ripensare i percorsi formativi e hanno trovato forme sempre nuove per vivere degli “incontri” di vita buona. Sebbene ancora incerto, il nuovo anno è alle porte e siamo sicuri sia questo tempo per dare vita…a moti di rivoluzione!

Il nostro viaggio

La responsabilità associativa, che sia parrocchiale o diocesana, è iniziata per tutti allo stesso modo e nella stessa situazione. Siamo stati costretti a ripensare le nostre abitudini e trasportarle sul digitale, per continuare a tessere legami autentici alla luce del Vangelo.

Negli ultimi mesi, ci siamo sentiti dire più volte “su questa barca ci siamo tutti”: il responsabile di AC ha una bella barca da condurre a porto, deve dunque conoscerne bene tutte le parti affinché non affondi. Su questa però non è da solo

f.png
i.png
y.png

© 2020 gianmariacaiolagrafico.it

calendario.png